Vino: una bevanda antica

Vino: una bevanda antica che si adegua al nostro tempo migliorando

Il vino oltre che essere una bevanda diffusissima e antica è anche un tema sul quale sono stati scritti fiumi e fiumi di pagine, di notizie, informazioni, leggende, storie, e quant’altro; un argomento che è davvero molto articolato e vasto, dai molti volti poiché il vino è legato non soltanto all’eccellenza della buona tavola, ma è anche un argomento di studio, di ricerca e soprattutto di innovazione strettamente legata al continuo miglioramento delle produzioni vinicole di tutto il mondo. Vini rinomati ce ne sono veramente tanti, di molte marche e di diversi tipi, di lavorazione differenti e di paesi di origine differenti. Al vino è legata la degustazione, un momento importantissimo, cosi come l’abbinamento con il cibo, e soprattutto i vari modi per servirlo.

Per scegliere il vino giusto fino a pochi anni fa, si doveva sperare nella disponibilità dell’enoteca di fiducia. Con l’arrivo di internet si è prima assistito all’alba delle vendite tra privati e poi all’arrivo di veri e propri shop, talvolta anche gestiti dalle enoteche stesse.
Ad oggi il mercato del vino online è cresciuto molto, cosa che possiamo notare pensando alla recente acquisizione di Tannico da parte di Campari. Questo ha portato gli appassionati ad avere molti store a cui rivolgersi e la nascita di strumenti di aggregazione di offerte, specializzati nel mercato del vino online, come Altri Rimedi  è stata la naturale conseguenza di ciò.
Oggi gli appassionati possono quindi continuare ad acquistare il vino in enoteca oppure controllare tutte le offerte online velocemente, grazie ad aggregatori online, per poi acquistare da uno shop via web.

Le regole di produzione

il vino è il complemento eccellente di piatti rinomati, che se serviti con il vino giusto acquistano maggior valenza e gusto. Ai vini sono legate anche molte materie di studio, per approfondire tutti gli aspetti di questa bevanda sopraffina, che ci è stata tramandata dalla conoscenza delle popolazioni vissute molti e molti anni fa; le proprietà organolettiche del vino sono molteplici, e un buon prodotto viene sempre sottoposto a regolamenti di produzione, di confezionamento, e etichettatura, quindi il suo commercio è sottoposto a leggi di base, e decreti che ne tutelano la qualità; ed è molto importante conoscerli se vogliamo essere dei buoni bevitori. Le argomentazioni sul vino sono veramente tantissime, perché da un discorso di base si va a toccare un’infinità di ramificazioni che riguardano l’uva ad esempio, le tipologie e le qualità delle viti, il tipo di coltivazione, la posizione geografia delle culture, e tutto quello che concerne l’enologia e la classificazione medesima dei vini.

Proprietà e caratteristiche: ad ogni vino le sue

A seconda dell’aspetto del prodotto finito nasce la classificazione, ovvero in base al colore, al contenuto zuccherino, sia per i vini fermi che per i vini frizzanti; e alle caratteristiche del retrogusto, e del profumo, che vanno man mano a formarsi durante la maturazione. Ma anche in base alla provenienza, al grado di maturazione, al tipo di lavorazione, al grado alcolico. La  degustazione ad esempio è uno dei fondamenti della conoscenza del vino, è utile  conoscere le caratteristiche organolettiche di quel tipo specifico di vino che stiamo assaggiando, gli aspetti da tenere in considerazione sono: il visivo, il gustativo, e l’olfattivo; poiché il vino si offre a noi su tre diversi piani ovvero: il colore, il profumo, e il gusto, la scelta del vino va sempre fatta in base alle pietanze che vanno consumate, all’abbinamento, ed è un argomento molto delicato in quanto ci vuole una profonda conoscenza per abbinare il vino giusto a un certo tipo di pietanza.

Gli abbinamenti

Infatti, esistono vini freschi bianchi fruttati frizzanti che sono sempre quasi consigliati con piatti leggeri, piatti di pesce o carne bianca, mentre i vini corposi e strutturati sempre bianchi si sposano meglio con piatti più elaborati e intingoli. I vini rossi vanno scelti anch’essi sempre pensando all’abbinamento con il cibo, oltretutto il vino va servito anche nel modo giusto, infatti non tutti i vini vanno serviti alla stessa temperatura e con gli stessi metodi. Vi sono anche molti bicchieri specifici dedicati ai vini scelti per le degustazioni in base alla grandezza, allo spessore del vetro. Alla qualità del bicchiere va abbinato il vino particolare da gustare; anche l’apertura di una bottiglia deve seguire delle regole, è un vero e proprio rituale inderogabile.

Il vino fa bene, ma con moderazione

Valutare anche il beneficio dell’alimentazione abbinata a un buon bicchiere di vino è importante, infatti la salute oggi è una tematica molto trattata, alla quale le persone prestano più attenzione, in base al vino che scegliamo esso ci fornirà un determinato contenuto di zuccheri, e calorie quindi in base alle caratteristiche del vino stesso dobbiamo calcolare quanta energia viene a fornirci questa bevanda. Sui vari aspetti e differenze dei vini ha un peso anche l’agricoltura, ovvero come vengono coltivate le viti, in quale contesto geografico e climatico. insomma, Per farla breve, bere un buon bicchiere di vino non si limita semplicemente ad acquistarlo e a versarlo, ma significa informarsi per bene su tutto quello che c’è dietro a questo bicchiere di vino, e alla fine può anche essere benefico per la nostra salute se utilizzato e consumato con moderazione e oculatezza.

Articolo letto 9 volte.
Condividi questo articolo sui social
Scroll to Top