Come scegliere il vino in ogni occasione

Come scegliere il vino giusto per ogni occasione

Il vino è una bevanda che accompagna da sempre i momenti più importanti della vita: un pranzo in famiglia, una cena romantica, un brindisi tra amici, una festa di compleanno, un anniversario, un matrimonio… Ma come fare a scegliere il vino giusto per ogni occasione? Quali sono i criteri da seguire per non sbagliare e per valorizzare al meglio il cibo, il clima, il contesto e le preferenze personali? In questa guida pratica vi daremo alcuni consigli, esempi e tabelle per aiutarvi a orientarvi nel vasto e affascinante mondo del vino.

 

Come abbinare il vino al cibo

Il primo criterio da considerare è l’abbinamento tra il vino e il cibo. In generale, si può seguire la regola empirica che dice di abbinare i vini bianchi ai piatti di pesce e i vini rossi ai piatti di carne. Tuttavia, questa regola non è sempre valida e va adattata in base alla tipologia, alla preparazione e alla salsa del piatto. Per esempio, un pesce al forno con pomodoro e olive può essere abbinato a un vino rosso leggero, mentre una carne bianca con una salsa delicata può essere abbinata a un vino bianco strutturato. Inoltre, bisogna tenere conto anche dei sapori e degli aromi del piatto e del vino, cercando di creare un equilibrio tra le sensazioni dolci, acide, amare e salate. Un piatto dolce richiede un vino dolce, un piatto acido richiede un vino acido, un piatto amaro richiede un vino amaro e un piatto salato richiede un vino sapido. Infine, bisogna considerare anche l’intensità e la persistenza del piatto e del vino, cercando di abbinare piatti e vini di pari livello. Un piatto leggero richiede un vino leggero, un piatto medio richiede un vino medio, un piatto forte richiede un vino forte.

Per facilitare la scelta del vino in base al cibo, si può consultare la seguente tabella, che riporta alcuni esempi di abbinamenti tra piatti tipici della cucina italiana e vini italiani.

 

Piatti Vini
Antipasti di mare (insalata di polpo, carpaccio di salmone, gamberi in salsa rosa) Vini bianchi frizzanti e aromatici (Prosecco, Franciacorta, Asti)
Antipasti di terra (affettati, formaggi, crostini) Vini rossi giovani e fruttati (Lambrusco, Gutturnio frizzante, Montepulciano)
Primi piatti di pesce (spaghetti alle vongole, risotto ai frutti di mare, lasagne al salmone) Vini bianchi secchi e minerali (Verdicchio, Pinot Grigio, Soave)
Primi piatti di carne (tagliatelle al ragù, gnocchi al gorgonzola, tortellini in brodo) Vini rossi corposi e tannici (Chianti, Barolo, Brunello)
Secondi piatti di pesce (orata al forno, fritto misto, tonno alla griglia) Vini bianchi freschi e fruttati (Vermentino, Sauvignon, Falanghina)
Secondi piatti di carne (arrosto di vitello, cotoletta alla milanese, bistecca alla fiorentina) Vini rossi maturi e complessi (Amarone, Nero d’Avola, Sagrantino)
Contorni (insalata mista, verdure grigliate, patate al forno) Vini rosati leggeri e floreali (Cerasuolo, Bardolino, Rosato)
Dolci (tiramisù, torta di mele, gelato) Vini dolci e liquorosi (Moscato, Passito, Vin Santo)

 

Come abbinare il vino al clima

Il secondo criterio da considerare è l’abbinamento tra il vino e il clima. In generale, si può seguire la regola che dice di preferire i vini bianchi e frizzanti nelle stagioni calde e i vini rossi e fermi nelle stagioni fredde. Questo perché i vini bianchi e frizzanti hanno una temperatura di servizio più bassa (8-10°C) e una maggiore acidità, che li rende più dissetanti e rinfrescanti. I vini rossi e fermi, invece, hanno una temperatura di servizio più alta (16-18°C) e una maggiore struttura, che li rende più calorici e avvolgenti. Tuttavia, anche in questo caso, ci sono delle eccezioni e delle sfumature da tenere in conto. Per esempio, un vino bianco molto alcolico e legnoso può essere troppo pesante per una giornata estiva, mentre un vino rosso molto leggero e fruttato può essere troppo leggero per una giornata invernale. Inoltre, bisogna considerare anche il momento della giornata in cui si beve il vino, il luogo in cui ci si trova e l’umore che si ha. Per esempio, un vino bianco frizzante può essere adatto per un aperitivo al tramonto, un vino rosso corposo può essere adatto per una cena al camino, un vino rosato leggero può essere adatto per un picnic in campagna, un vino dolce liquoroso può essere adatto per un momento di relax sul divano.

Per facilitare la scelta del vino in base al clima, si può consultare la seguente tabella, che riporta alcuni esempi di abbinamenti tra vini e stagioni.

 

Stagioni Vini
Primavera Vini bianchi giovani e floreali (Gavi, Greco, Fiano)
Estate Vini bianchi frizzanti e aromatici (Prosecco, Franciacorta, Asti)
Autunno Vini rossi fruttati e speziati (Merlot, Syrah, Primitivo)
Inverno Vini rossi maturi e complessi (Amarone, Nero d’Avola, Gutturnio Riserva)

 

Come abbinare il vino al contesto

Il terzo criterio da considerare è l’abbinamento tra il vino e il contesto. In generale, si può seguire la regola che dice di scegliere il vino in base al tipo di occasione, al numero e al tipo di ospiti, al budget e al messaggio che si vuole trasmettere. Per esempio, per un’occasione formale e importante, come un matrimonio, una laurea o un anniversario, si può optare per un vino prestigioso e costoso, come un Champagne, un Barolo o un Brunello, che esprime eleganza, raffinatezza e celebrazione. Per un’occasione informale e divertente, come una festa di compleanno, una grigliata o una pizza tra amici, si può optare per un vino semplice e economico, come un Lambrusco, un Barbera o un Montepulciano, che esprime allegria, convivialità e spensieratezza. Per un’occasione intima e romantica, come una cena a lume di candela, una serata sul divano o una notte d’amore, si può optare per un vino sensuale e intrigante, come un Moscato, un Passito o un Vin Santo, che esprime passione, dolcezza e seduzione.

Per facilitare la scelta del vino in base al contesto, si può consultare la seguente tabella, che riporta alcuni esempi di abbinamenti tra vini e occasioni.

Occasioni Vini
Matrimonio Champagne, Franciacorta, Spumante
Laurea Prosecco, Asti, Cava
Anniversario Barolo, Brunello, Amarone
Compleanno Gutturnio Superiore, Barbera, Montepulciano
Grigliata Rosato, Bardolino, Cerasuolo
Pizza Chianti, Sangiovese, Nero d’Avola
Cena romantica Moscato, Passito, Vin Santo
Serata sul divano Merlot, Syrah, Primitivo
Notte d’amore Pinot Nero, Cabernet Sauvignon, Sagrantino

 

Come abbinare il vino alle preferenze personali

Il quarto e ultimo criterio da considerare è l’abbinamento tra il vino e le preferenze personali. In generale, si può seguire la regola che dice di scegliere il vino in base ai propri gusti, alle proprie esperienze e alle proprie emozioni. Per esempio, se si ama il vino bianco, si può scegliere tra una vasta gamma di vini bianchi, da quelli secchi e minerali a quelli dolci e liquorosi, da quelli frizzanti e aromatici a quelli fermi e legnosi. Se si ha una certa esperienza nel bere vino, si può scegliere tra vini più complessi e sfumati, che richiedono una maggiore attenzione e sensibilità. Se si vuole provare qualcosa di nuovo, si può scegliere tra vini più originali e insoliti, che possono sorprendere e stimolare la curiosità. Se si vuole evocare un ricordo, si può scegliere tra vini che hanno un legame con una persona, un luogo o un momento particolare della propria vita.

Per facilitare la scelta del vino in base alle preferenze personali, si può consultare la seguente tabella, che riporta alcuni esempi di abbinamenti tra vini e gusti.

Gusti Vini
Bianco secco e minerale Verdicchio, Pinot Grigio, Soave
Bianco dolce e liquoroso Moscato, Passito, Vin Santo
Bianco frizzante e aromatico Prosecco, Franciacorta, Asti
Bianco fermo e legnoso Chardonnay, Vermentino, Greco
Rosso corposo e tannico Chianti, Barolo, Brunello
Rosso maturo e complesso Amarone, Nero d’Avola, Sagrantino
Rosso fruttato e speziato Merlot, Syrah, Primitivo
Rosso leggero e fruttato Gutturnio frizzante, Barbera, Montepulciano
Rosato leggero e floreale Cerasuolo, Bardolino, Rosato

Spero che questa guida vi sia stata utile e vi abbia dato delle indicazioni per scegliere il vino giusto per ogni occasione. Ricordate, però, che il vino è anche una questione di gusto personale e di sensazioni, quindi non esitate a seguire il vostro istinto e a sperimentare nuovi abbinamenti. Il vino è un piacere che va condiviso e goduto, quindi brindate con chi amate e buon divertimento!

 

 

Articolo letto 136 volte.
Condividi questo articolo sui social
Scroll to Top